Parroco e detective: installa la fototrappola e ferma il ladro di elemosina

Quarto furto di offerte in una chiesa di Riva del Garda. Questa volta, però, il ladro è stato riconosciuto ed il parroco sui social è diventato "don Matteo"

Immagine di repertorio

Don Mattia, parroco della chiesa di San Giuseppe a Riva del Garda, si improvvisa investigatore e fa acciuffare il ladro. Il paragone con Don Matteo, il celebre prete-detective della serie tv più amata dagli italiani, sorge spontaneo. Ed è così che in molti hanno commentato la notizia sui social network.

Stufo dei ripetuti furti di elemosine nella sua chiesa don Mattia Vanzo, giovane ed intraprendente sacerdote trentino, ha installato una videocamera nei pressi della cassetta delle offerte. Una fototrappola, che inizia a riprendere automaticamente in presenza di foti di calore, tra cui un corpo umano. E la trappola è scattata immortalando il ladro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta del quarto episodio in poco tempo. Questa volta, però, il ladro è stato ripreso ed è stato facile identificarlo quando si è ripresentato in chiesa,pensando di andare ancora a colpo sicuro. Don Mattia lo ha inseguito e fermato. Nel frattempo sono arrivati i carabinieri che lo hanno portato in caserma. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Con il furgone contro una corriera: muore sul colpo

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Azienda trentina brevetta una macchina che produce 70.000 mascherine al giorno

  • Video "hard" durante la lezione online delle elementari

Torna su
TrentoToday è in caricamento