Sbranarono un bambino in Sicilia, dogo argentini rieducati in Trentino

Da Catania al Trentino per cercare una nuova vita, grazie ai volontari di Enpa, Lav ed Arcadia

Sono ospitati in una struttura per animali in Trentino Alto Adige i due dogo argntini che nell'agosto del 2016 sbranarono un bambino nel catanese. In un articolo pubblicato online dal quotidiano La Sicilia si riferisce che i due cani, "Asia" e "Macchia", sequestrati dall'autorità giudiziaria sono stati affidati all'Enpa di Catania e stanno seguendo un percorso di riabilitazione in Trentino grazie alla collaborazione di Lav ed Arcadia Onlus seguiti da un esperto nella rieducazione di cani da combattimento. E' il secondo caso del genere a Rovereto, dove l'anno scorso un volontario di Arcadia adottò Cloe, pastore tedesco responsabile della morte  di una bimba in Friuli, clicca qui...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • M49 e JJ4: online la mappa per sapere dove sono

  • Lavoratori dalla Romania, la Giunta scrive a Roma: ipotesi "quarantena attiva"

  • 'Carne coltivata', è trentina l'unica azienda a occuparsene in Italia

  • Cristiana Capotondi a Trento: sarà Chiara Lubich

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Merano usano... il freddo!

  • Lascia le sue cose al rifugio e scompare, lo cercano tutta la notte: era al bivacco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento