Lascia le sue cose al rifugio e scompare, lo cercano tutta la notte: era al bivacco

Il giovane non pensava che il Soccorso Alpino lo stesse cercano: al rifugio gli era stato fatto notare che a causa delle norme anti-covid i bivacchi si possono utilizzare solo per emergenze

Il bivacco Biasin

Ricerche ad alta quota per trovare un ragazzo ritenuto disperso, che in realtà stava dormendo in un bivacco. E' successo sul monte Agner, nell'Agordino. Protagonista della disavventura, a sua insaputa, un escursionista 25enne di Padova.

Come racconta il Soccorso Alpino Veneto il ragazzo era passato dal Rifugio Scarpa dicendo che avrebbe fatto la Ferrata Stella Alpina, con l'intenzione di pernottare al Bivacco Biasin. Gli era stato fatto presente che in questo periodo i Bivacchi si possono utilizzare solo in caso di emergenza, lui allora aveva risposto che sarebbe tornato a dormire in Rifugio e ha lasciato alcuni suoi oggetti.

Alle 15.20 l'escursionista ha poi chiamato il Rifugio perché aveva sbagliato direzione e si stava spostando verso Cima Lastei. Il personale del rifugio lo ha quindi reindirizzato sul percorso corretto. Quando però a sera il venticinquenne di Padova non si è presentato, il gestore ha lanciato l'allarme.

La macchina delle ricerche si è messa in moto durante la notte, ma solamente alle prime luci dell'alba l'elicottero dell'Air Service Center, convenzionato con il Soccorso Apino, ha potuto levarsi in volo per osservare dall'alto la zona e portare in quota due soccorritori.

Non avendo avvistato nessuno sui due tracciati è stato deciso di far sbarcare un soccorritore in hovering al bivacco. Dalla struttura sono uscite quattro persone che avevano passato lì la notte, una delle quali er ail ragazzo padovano, ritenuto disperso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Era arrivato tardi al bivacco - spiega il Soccorso Alpino -dopo essere scivolato e aver sbattuto un ginocchio, non era riuscito a telefonare e non pensava si sarebbe mossa un ricerca. Il giovane ha detto che non aveva problemi ed è poi sceso al rifugio autonomamente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato morto a 30 ore dalla nascita: dramma all'ospedale di Rovereto

  • Freddo intenso, anche 10° sotto la media: il riscaldamento si può già accendere

  • Galleria di Martignano: testa-coda sull'asfalto bagnato poi si schianta contro il guard rail

  • Cervo investito sulla statale: "In quel tratto succede una volta al mese"

  • Coronavirus, un altro studente positivo: classe in quarantena e lezioni online

  • Camion blocca l'ambulanza su una strada di montagna: "E' l'ennesima volta, ora basta"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento