menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Trento perdite idriche sulla rete al 26%, il 30% in tutta la Provincia

Ma l'affidabilità sui dati relativi alla dispersione dell'acqua immessa in rete, "a livello provinciale è scarsa", afferma l'assessore provinciale Mauro Gilmozzi 

"I dati statistici presentano un livello di perdite idriche nel capoluogo (Trento) pari a circa il 26% dell'acqua immessa in rete ed una media del 30% a livello provinciale". A fornire le due percentuali è l'assessore alle infrastrutture e all’ambiente Mauro Gilmozzi, nella sua risposta a un’interrogazione di Maurizio Fugatti, consigliere della Lega Nord Trentino, che riguardava l'aumento delle tariffe del servizio idrico. Dopo aver precisato che la competenza sulle tariffe del servizio idrico è dei Comuni, Gilmozzi avverte subito che l'affidabilità sui dati relativi alla dispersione dell'acqua immessa in rete, "a livello provinciale è scarsa". 

Ciò è dovuto al fatto che "i sistemi di misura necessari a ricavarli non sono capillarmente disponibili, anche perché sono presenti quasi 2000 serbatoi dai quali l'acqua viene erogata alle utenze finali". Inoltre, prosegue l’assessore, "l'acqua scaricata dai troppo pieni non è di fatto misurata, mentre l'acqua consumata all'utenza finale è invece quasi ovunque misurata con i contatori di utenza".  Gilmozzi ricorda peraltro che "a livello provinciale è in corso un'elaborazione, tramite il Fascicolo Integrato di Acquedotto, seguendo le specifiche dell'International Water Association, con la quale si stanno raccogliendo tutti i dati che compongono il "Bilancio idrico di acquedotto" (si noti – segnala l’assessore – che ci sono più di 900 acquedotti)". 

E aggiunge che "per quanto riguarda le perdite idriche, bisogna distinguere tra "volumi non fatturati", all'interno dei quali ricadono anche le utenze gratuite come ad esempio le fontane pubbliche presenti in abbondanza in particolare nelle valli, e le vere e proprie dispersioni in rete (perdite reali). Sui dati inerenti la "dispersione idrica", quindi, "non è possibile allo stato attuale dare un riscontro puntuale ed affidabile con riferimento all'intero territorio provinciale". L’assessore conclude sottolineando che "un dato medio aggregato a livello statistico ha uno scarso significato. La rilevazione svolta dall'APRIE (progetto FIA) è condotta invece per la caratterizzazione di efficienza di ogni singolo acquedotto, al fine di individuare per ciascuno di essi il livello quantitativo dell'acqua eventualmente "dispersa", con il metodo della portata minima notturna".?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Attualità

Il Trentino è in zona arancione, le precisazioni di Fugatti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento