menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una piccola parte del materiale sequestrato

Una piccola parte del materiale sequestrato

Caso 'Erba di Grace' in Trentino, disoccupato crea mega coltivazione di cannabis: condannato

Probabilmente la più grande coltivazione di marijuana scoperta in Trentino negli ultimi anni. L'uomo è stato condannato a 2 anni e 8 mesi e rimarrà ai domiciliari

È stato condannato agli arresti domiciliari per 2 anni e 8 mesi il 47enne di Pergine che nell'ottobre 2019 era stato scoperto dai carabinieri di Borgo Valsugana a gestire una megacoltivazione di cannabis nel territorio comunale di Caldonazzo, oltre a essere trovato in possesso di oltre 94 chili di piante di marijuana. L'uomo, un perito elettronico, aveva iniziato a coltivare 'erba' dopo essere rimasto disoccupato.

Fototrappole per scoprire la coltivazione

I militari avevano trovato un centinaio di piante, in piena fioritura e alte anche due metri, in un terreno privato incolto. Per immortalare il 47enne, che ha piccoli precedenti per reati comuni ma non specifici, i carabinieri avevano utilizzato delle fototrappole. L'uomo andava alla piantagione nelle ore del crepuscolo, per non dare nell'occhio, e controllare la crescita delle piante.

In casa quasi un quintale di marijuana

Dopo aver colto il perginese in flagrante, i carabinieri avevano perquisito la sua casa, dove era stata trovata una quantità di marijuana già essiccata e pronta all smercio impressionante: 94 chili, di cui 33 stipati in sacchi della spazzatura e cassette della frutta, 22 a seccare in una struttura costruita appositamente, e 38 chili di piante appena raccolte. Nascosti in casa erano stati trovati anche 22.800 euro in contanti, provento dell'attività di spaccio.

L'intero appartamento funzionava come una vera e propria 'fabbrica', con buste di plastica per suddividere la sostanza in pacchetti da 100 grammi, e i soliti bilancini di precisione. Si pensa che il coltivatore rifornisse il mercato dell'intera valle e si spingesse anche oltre. Il 47enne, tratto in arresto lo scorso ottobre, è stato condattato ai domiciliari dopo aver patteggiato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento