menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Officina in nero e discarica abusiva a Gardolo

L'operazione della Finanza nata per motivi fiscali ha portato allo scoperto una situazione ad altissimo rischio per l'ambiente

Officina in nero, discarica abusiva: succede a Gardolo dove i finanzieri hanno sequestrato un'area di ben 1.200 metri quadri utilizzata come deposito di rifiuti in violazione alle norme sull'ambiente. L'operazione è nata da un semplice controllo fiscale,  ma ha portato a ritrovare rottami, carcasse di automobili, batterie, pneumatici, colle e vernici. Tutto materiale lasciato ll'esterno al vento, al sole ed alla pioggia con un rischio di inquinamento delle falde acquifere altissimo.

"Gli organi competenti ad effettuare le analisi chimiche dei terreni sequestrati valuteranno il livello di inquinamento e di tossicità raggiunto nonché l’eventuale avvelenamento di falde acquifere sottostanti - scrive la Guardia di Finanza in una nota che accompagna la presentazione delle operazioni -. È in corso la ricostruzione del volume d’affari dell’attività completamente in nero svolta sul terreno attualmente sotto vincolo giudiziario".

I due, entrambi trentenni, uno cittadino italiano l'altro moldavo, sono stati denunciati per reati ambientali e rischiano fino a 3 anni di reclusione e 50.000 euro di sanzioni. Sono inoltre in corso gli accertamenti per il recupero dei tributi sul conferimento in discarica che i due avrebbero dovuto pagare per smaltire correttamente tutti quei rifiuti: oltre 120 metri cubi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Attualità

Covid, sintesi del nuovo Dpcm

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Il Trentino rimane in zona arancione

  • Cronaca

    Registrati altri 3 decessi e +406 nuovi casi positivi al covid

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento