Distruggono i vetri di un'auto parcheggiata, rintracciati e denunciati

Rimane ancora un mistero il perchè due uomini, un bel giorno si siano presentati armati di martelli sotto casa di una donna a Pergine Valsugana e le abbiano distrutto parabrezza e finestrini dell'auto. Ciò che non è più mistero è la loro identità, visto che a seguito di lunghe indagini (i fatti risalgono all'aprile scorso) sono stati rintracciati e denunciati dai carabinieri: si tratta di due cittadini italiani, di 32 e 34 anni. La vittima ha fornito indicazioni utili al riconoscimento poichè quel giorno, sentiti dei rumori strani provenire dalla strada, si è affacciata alla finestra ed ha visto i due intenti a demolire i vetri della sua auto. Come detto il movente del gesto è ancora sconosciuto: nè la donna ha saputo ipotizzare un motivo, nè hanno voluto spiegarlo ora i due denunciati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bomba da disinnescare: autostrada, statale e ferrovia del Brennero bloccate

  • Elezioni comunali a Trento: ecco i più (e i meno) votati

  • Neonato morto a 30 ore dalla nascita: dramma all'ospedale di Rovereto

  • Freddo intenso, anche 10° sotto la media: il riscaldamento si può già accendere

  • Elezioni comunali, ecco il voto nelle circoscrizioni

  • Galleria di Martignano: testa-coda sull'asfalto bagnato poi si schianta contro il guard rail

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento