menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Delitto di via Maccani, il testimone avrebbe tolto il coltello e tamponato la ferita

L'uomo, il cui passaporto era stato trovato in casa, si è presentato spontaneamente in questura il 27 marzo raccontando la sua versione dei fatti: avrebbe tolto lui il coltello dalla schiena di Andrea Cozzatti e avrebbe anche tamponato la ferita

Nuovi elementi al vaglio degli inquirenti sul delitto di Via Maccani. Salvatore Mulas e Andrea Cozzatti, la vittima uccisa con una coltellata, erano assieme ad un tunisino, che sembra risiedesse abitualmente nell'appartamento di Mulas. L'uomo, il cui passaporto era stato trovato in casa, si è presentato spontaneamente in questura il 27 marzo raccontando la sua versione dei fatti. Ha detto di aver sentito il litigio, con Andrea Conzatti che a un certo punto avrebbe detto "cosa mi hai fatto".

A quel punto il tunisino sarebbe entrato nella e avrebbe trovato Cozzatti col coltello piantato nella schiena. Sarebbe stato proprio lui a soccorrerlo togliendo la lama e tamponando la ferita con una sciarpa, così ha dichiarato. Mulas invece sarebbe rimasto ancora in casa, avrebbe pulito la lama del coltello e lo avrebbe riposto in un cassetto, dove successivamente è stato fatto trovare agli inquirenti. Quindi sarebbe sceso nella pizza al taglio sotto casa, e soltanto un'ora dopo, rientrato nell'appartamento, avrebbe chiamato i soccorsi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Il Trentino rimane in zona arancione

  • Cronaca

    Registrati altri 3 decessi e +406 nuovi casi positivi al covid

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento