rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca Centro storico / Via Valentina Zambra, 11

Fiumi a secco, Italia Nostra chiede sei mesi di stop

Sulla revisione dei deflussi minimi vitali dei corsi d'acqua gli ambientalisti chiedono maggiore coinvolgimento da parte della Provincia. "L'Appa renda pubblici i monitoraggi svolti sui fiumi trentini"

Con il primo marzo entra in vigore in nuovo accordo sul Deflusso Minimo Vitale dei corsi d'acqua in Trentino. Di fatto l'obiettivo è consentire un maggiore accumulo idrico nei bacini delle centrale idroelettriche, ma il dibattito è aperto.

Italia Nostra ha chiesto all'assessore all'ambiente della Provincia Mauro Gilmozzi di congelare per sei mesi il provvedimento e di allargare il dibattito anche agli ambientalisti, fino ad ora mai coinvolti nella discussione. Italia Nostra chiede inoltre che l'Appa renda pubblici i monitoraggi svolti sui fiumi trentini negli ultimi tre anni.

Che cosa è il Deflusso Minimo Vitale: è il quantitativo di acqua che deve necessariamente essere garantito per assicurare la sopravvivenza delle comunità biologiche acquatiche, la salvaguardia del corpo idrico e, in generale, gli usi plurimi a cui lo stesso è destinato. L’ipotesi di ricalibrare i valori del DMV era già prevista negli ultimi due piani acqua della Provincia.

Intanto la petizione lanciata su change.org "Ridiamo l'Acqua al Fersina" ha raggiunto le 141 sottoscrizioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiumi a secco, Italia Nostra chiede sei mesi di stop

TrentoToday è in caricamento