Cronaca San Giuseppe / Via Fratelli Bronzetti

A Trento incidenti più frequenti a mezzogiorno

Durante l'anuale festa della polizia locale di Trento sono stati resi noti tutti i dati sull'attività del 2013: quasi 60.000 le chiamate ai "vigili" da parte dei cittadini. Tra le sanzioni in aumento quella per aver "bruciato" un semaforo rosso, mentre diminuiscono quelle sui limiti di velocità. La fascia oraria in cui si concentra il numero maggiore di sinistri è tra le 11 e le 13

Sono state 59.840 le chiamate per richieste di intervento o di informazioni alla polizia locale di Trento nel corso del 2013. I dati sono stati resi noti durante l'annuale festa del Corpo di Polizia Locale di Trento Monte-Bondone, che fa risalire la propria fondazione al 1801 anno in cui venne istituita a Trento la "guardia civica" accompagnata dalla "banda" che oggi è il Corpo Musicale Città di Trento. Gli agenti della polizia locale sono intervenuti nell'anno per ricostruire la dinamica di circa 800 incidenti, 216 sono gli interventi di controllo della viabilità e 506 quelli delle zone a rischio. In totale le ore di presenza sul territorio sono state 2.612 alle quali vanno aggiunte le 10.582 dei "nonni vigile" per la sicurezza all'entrata e all'uscita delle scuole. Tra le sanzioni accertate risultano in aumento di oltre il 50% rispetto al 2012 la violazione all'articolo 146 del CdS ovvero "bruciare" un semaforo rosso e quella dell'articolo 180: circolazione senza documenti. Sono invece diminuiti rispettivamente del 38% e del 16% gli accertamenti per superamento del limite di velocità da 10 a 40 km e oltre. Sono state 363 le patenti sospese o ritirate, 207 i veicoli sequestrati e 91 quelli sottoposti a fermo amministrativo. La fascia oraria in cui sono più frequenti gli incidenti stradali a Trento è quella tra le 11.00 e le 13.00. Ecco tutti i dati, clicca il link: Polizia Locale Trento dati 2013

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Trento incidenti più frequenti a mezzogiorno

TrentoToday è in caricamento