menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stranieri in calo in Trentino: Romania, Albania e Marocco le nazioni più rappresentate

I dati contenuti nelll'annuale Rapporto immigrazione del Cinformi per quanto riguarda il Trentino

Sono 46.456 gli stranieri residenti in Trentino, vale a dire l'8,6% della popolazione totale. Il dato, presentato oggi dal Cinformi, si riferisce al 31 dicembre 2016 ed è contenuto nell'annuale Rapporto sull'immigrazione presentato alla stampa questa mattina. 

La percentuale di immigrati presenti in Trentino è in leggero calo (-4,1%) ma il dato che  balza subito agli occhi, rispetto alla narrazione quotidiana del fenomeno fatta dai media, è che l'Africa Subsahariana non è tra e prime aree di provenienza.  

Gli stranieri residenti in Trentino provengono per la maggior parte da altri paesi dell'Unione Europea (30,8%) o dell'Europa Centro Orientale (34,4%), seguono l'Asia (12,6%), l'Africa settentrionale (11,9%) e l'America Latina (5,3%). Tutte le altre aree, Africa centro-meridionale compresa, pesano complessivamente non più del 5%.

La nazione più rappresentata resta la Romania, dalla quale proviene il 22,1% degli stranieri in Trentino, seguitta dall'Albania 12,4% e dal Marocco 8,2%. Nessuna nazione dell'Africa Subsahariana figura tra le prime 10 nazioni di provenienza.

Le assunzioni di lavoratori stranieri nel 2016 sono state 44.061 (in leggerissimo aumento, +1,1%, rispetto all'anno precedente). Il settore terziario con il 48,6% di impiegati supera  quello dell'agricoltura, dove lavora il 40,6% degli stranieri assunti, come settore principale.  Gli alunni con cittadinanza straniera nelle scuole trentine sono 9.474, ovvero l'11,6% del totale degli alunni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento