Cronaca

"Uccise l'amica per soldi": confermato il carcere per Ivan Zucchelli

La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dall'imputato e confermato i 30 anni senza possibilità di appello. Il movente: i soldi della farmacista

Resta in carcere Ivan Zucchelli, l'imprenditore accusato di aver ucciso l'amica Daniela Sabotig. La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dall'imputato e confermato i 30 anni senza possibilità di appello. Il movente: i soldi della farmacista. L'amica di lunga data non era più disposta a coprire le spregiudicate operazioni finanziarie dell'uomo come aveva fatto fino ad allora. Termina dunque con una condanna definitiva la vicenda del febbraio 2013, quando -secondo la ricostruzione dei giudici - Zucchelli uccise la donna, malata di Sla, simulando poi un incidente stradale. Confermata anche la premeditazione. Per le motivazioni della sentenza bisognerà attendere qualche mese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Uccise l'amica per soldi": confermato il carcere per Ivan Zucchelli
TrentoToday è in caricamento