rotate-mobile
Cronaca Gardolo / via Giambattista Unterveger

Nessun giallo sull'orsetta morta, la PAT assicura: "è viva, è stato un errore di trascrizione"

La dicitura "deceduto" è stata cancellata nella versione definitiva del Rapporto Orso, ma in rete si è scatenato il "giallo" che ha portato anche il consigliere Degasperi a depositare un'interrogazione. La provincia assicura che si è trattato di un errore

La cucciola di Daniza sta bene, nessun mistero sulla sua presunta morte bensì un "banalissimo errore di trascrizione nella tabella", assicura una nota della Provincia, anche se nel frattempo il giallo sulla dicitura "deceduta" comparso accanto all'avvistamento dell'esemplare, nelle tabelle del Rapporto Orso 2014 diffuso ieri, mercoledì 11 marzo, e cancellata oggi ha già fatto il giro del web per poi tornare nel palazzo di piazza Dante sotto forma di interrogazione firmata dal consigliere cinque stelle Filippo Degasperi.

"Si conferma pertanto, come scritto nel rapporto 2014, che tutto lasci supporre che i cuccioli di Daniza, ora giovani orsi, abbiano superato con successo la fase dello svernamento - si legge in una nota - Il monitoraggio genetico, che verrà effettuato anche nel 2015, si occuperà con particolare attenzione di evidenziare la presenza dei due figli di Daniza".

Come prova il Servizio Foreste e Fauna esibisce una fotografia (vedi sotto) che ritrae entrambi i cuccioli il 14 settembre, quattro giorni dopo l'uccisione della madre, Daniza, per una dose sbagliata di anestesia, e tre dopo il presunto decesso dell'orsetta F20, in una data che ricorda ben altre tesi di complotto: 11 settembre.pi3-1o-2Di seguito qui sotto gli screenshot delle due versioni differenti della tabella incriminata,la prima postata da Alessandro Ghezzer e poi ripresa su facebook dal consigliere Filippo Degasperi...daniza-5-2e la seconda come appare nel Rapporto Orso 2014 oggi...Immagine-4-34

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessun giallo sull'orsetta morta, la PAT assicura: "è viva, è stato un errore di trascrizione"

TrentoToday è in caricamento