Cronaca

Croci in montagna, la Civica contro gli ambientalisti: "Furia iconoclasta"

"La collocazione di croci o statuette della Madonna in montagna altro non e' che manifestazione del sentimento religioso della nostra gente - si afferma in una nota -. Un tempo probabilmente più diffuso, e' vero, ma tuttora assai radicato"

Dopo la richiesta delle associazioni ambientaliste di regolamentare la presenza di croci sulle vette trentine interviene con una nota la Civica Trentina, che parla di "furia iconoclasta" da parte degli ambientalisti. In una nota inviata dalla segreteria della Civica, di cui fa parte anche il consigliere provinciale del Pdl Rodolfo Borga, si afferma che ''La collocazione di croci o statuette della Madonna in montagna altro non e' che manifestazione del sentimento religioso della nostra gente - si afferma in una nota -.  Un tempo probabilmente più diffuso, e' vero, ma tuttora assai radicato. In tale contesto parlare di 'imposizione aggressiva' o di volontà di ''marcare il territorio', (per non parlare di business) non ha alcun senso. Semmai un’imposizione aggressiva e' quella di chi vorrebbe cancellare per decreto simboli, che non di rado sono stati i nostri vecchi (cetini o non) a portare in quota sulle loro spalle. Mountain Wilderness rivolga quindi ad altri i suoi strali e continui ad occuparsi di ben altre questioni''. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Croci in montagna, la Civica contro gli ambientalisti: "Furia iconoclasta"

TrentoToday è in caricamento