Tragedia nei boschi sopra Fiavè: perde la vita Cristoforo Panizza

Il boscaiolo era al lavoro fin dalle prime ore del mattino nei boschi del Lomaso, sembra che il cavo metallico non abbia retto il peso del carico di legname e si sia spezzato, tranciandogli le gambe. E' stato trovato pochi minuti dopo da un fungaiolo, che ha sentito lo schianto dei tronchi

Un'altra tragedia nei boschi trentini: ha perso la vita questa mattina sul monte Misone, sopra Fiavè, Cristoforo Panizza, titolare di un'impresa di taglio legname di Vermiglio, di 51 anni. L'uomo era al lavoro fin dalle prime ore del mattino odierno nei boschi tra Lomasona e Ballino quando è rimasto vittima di un terribile incidente con il verricello del mezzo sul quale stava caricando dei tronchi.

Secondo le ricostruzioni fatte dai soccorritori il cavo metallico avrebbe ceduto per la forte tensione spezzandosi e andando a tranciare, come una lama, le gambe del boscaiolo. Il rumore del cavo spezzato è stato udito da un fungaiolo che, accorso in pochi minuti sul luogo, ha trovato l'infortunato già senza vita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

Torna su
TrentoToday è in caricamento