rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca

Bollettino coronavirus: i dati del 26 novembre

I dati vengono elaborati ogni giorno dall'Azienda provinciale per i servizi sanitari

L'assessore provinciale alla salute Stefania Segnana ha anticipato qualche dato del bollettino Covid aggiornato a venerdì 26 novembre. L'esponente della giunta ha parlato in conferenza stampa dopo la riunione della giunta in trasferta a Torcegno (Valsugana).

Sono 138 i nuovi casi registrati. Di questi, ha evidenziato l'assessore Segnana, 15 sono di persone tra i 60 e i 69 anni, 8 tra i 70 e i 79 anni, e altri 8 tra gli over 80. Migliora lievemente la situazione negli reparti ordinari: sono infatti 49 le persone ospedalizzate, dopo che nella giornata di martedì ci sono stati 5 nuovi ricoveri ma 8 dimissioni. Aumentano però le persone in terapia intensiva, che passano da 6 a 7. Anche nell'ultimo aggiornamento non ci sono nuove vittime, "anche grazie al grande lavoro che stiamo facendo per quanto riguarda la vaccinazione" ribadisce l'assessore Segnana.

Per quanto riguarda gli altri dati, il bollettino diramato dall'Apss evidenzia 57 nuove guarigioni che portano il totale a 48.739.

Più nel dettaglio, dai dati del bollettino odierno dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari, emerge che 56 casi dei 138 totali sono stati rilevati dal molecolare (su 613 test effettuati) e gli altri 82 all'antigenico (su 7.608 test effettuati). I molecolari poi confermano 59 positività intercettate nei giorni scorsi dai test rapidi. Tra i nuovi positivi, la maggior parte risulta asintomatico (86 casi) e il resto (52 casi) pauci-sintomatico. Tra i nuovi casi, 6 casi riguardano la fascia 0-5 anni, ben 46 la fascia 40-59 anni e 33 tra i 19 e 39 anni. In tutte le fasce d'età c'è almeno un positivo. Per quanto riguarda le vaccinazioni, venerdì sono arrivate a quota 830.700, delle quali 375.361 di seconde dosi e 36.694 terze dosi.

Un Super Green pass per le vacanze di Natale

Dal 6 dicembre verrà  adottato il Super green pass. L'approvazione del Consiglio dei ministri è arrivata all'unanimità nel pomeriggio di mercoledì 24 novembre: via libera dunque alla nuova certificazione, che di fatto vieta l'accesso alle attività ludiche e ricreative ai non vaccinati. Il nuovo green pass infatti, sarà ottenibile solo dopo la vaccinazione o la guarigione dal Covid, mentre la certificazione tramite tampone resterà solo per andare a lavoro o per i servizi essenziali. Per la recrudescenza dei contagi da Covid-19 in concomitanza con le festività di Natale l'indirizzo del Governo è infatti stato quello di restringere gli ambiti per i quali sono ritenuti validi i green pass connessi a test rapidi e tamponi molecolari. Il ministro della Salute Speranza ha inoltre annunciato che dal primo dicembre sarà possibile per tutti accedere alla terza dose di vaccino (dopo 5 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollettino coronavirus: i dati del 26 novembre

TrentoToday è in caricamento