Cronaca

Bollettino coronavirus: +36 positivi, aumentano i ricoveri

I dati vengono elaborati ogni giorno dall'Azienda provinciale per i servizi sanitari

Zero decessi nel rapporto covid dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari di giovedì 23 settembre. I nuovi contagi sono 36, aumentano i ricoveri in ospedale mentre le vaccinazioni giovedì mattina hanno superato quota 730.000.

Quasi 3.700 i tamponi analizzati mercoledì, fra i quali 355 molecolari che hanno individuato 18 casi postivi e confermato altre 2 positività intercettate nei giorni precedenti dai test rapidi. Il numero più consistente di test come sempre è riferito agli antigenici che ieri sono stati 3.327, con 18 casi che poi sono risultati positivi.

I contagi continuato a interessare le coorti scolastiche: 12 i bambini o ragazzi che sono risultati positivi mercoledì (1 tra 3-5 anni, 3 tra 6-10 anni, 3 tra 11-13 anni e 5 tra 14-19 anni). Ci sono anche 6 nuovi contagi fra anziani (3 in fascia over 80 ed altri 3 in quella 60-69 anni).

A causa di altri 3 nuovi ricoveri e considerato che mercoledì nessuno è stato dimesso, attualmente in ospedale ci sono 21 pazienti covid, dei quali 3 si trovano tutt’ora in rianimazione.

I vaccini somministrati fino a giovedì mattina erano 730.284, di cui 338.033 seconde dosi. Le cifre riferite alle fasce over 80, 70-79 e 60-69 anni sono rispettivamente 67.909, 91.779 e 109.889 dosi.
Infine i guariti che ieri sono aumentati di altri 12 casi: il totale da inizio pandemia è pari a 46.337.

Scuola, la Fondazione Gimbe bacchetta il Trentino: "Il 18% del personale non è vaccinato"

Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, torna a bacchettare il Trentino (ma non solo) sui dati delle vaccinazioni. Nello specifico, a preoccupare è il numero di operatori non vaccinati nel mondo della scuola: se in tutta Italia la percentuale di docenti e collaboratori scolastici non vaccinati si ferma al 6,1%, nella Provincia autonoma di Trento questa cifra triplica, toccando il 18%. Addirittura peggio l'Alto Adige, dove il 21,2% del personale scolastico (più di un dipendente su 5) non ha ricevuto nemmeno una dose.

Le due provincie autonome occupano i primi due posti di questa speciale classifica, davanti a Valle d'Aosta, Piemonte, Sicilia, Basilicata con il 10,9%, Lombardia (10,5%), Umbria, Liguria, Puglia, Sardegna con il 5%, Emilia Romagna, Veneto e infine le Marche con il 3%. In 7 regioni - Lazio, Friuli Venezia Giulia, Molise, Abruzzo, Campania, Toscana e Calabria - il 100% del personale risulta aver concluso la vaccinazione.

Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, ha presentato i dati nel corso dell'evento di Cittadinanzattiva in programma a Roma nella mattinata di mercoledì 22 settembre, dove è stata illustrata un'anteprima del Report Gimbe sulla Sicurezza covid 19 nelle scuole.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollettino coronavirus: +36 positivi, aumentano i ricoveri

TrentoToday è in caricamento