rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca

Bollettino coronavirus: i dati del 14 gennaio

Due nuove vittime, ma calano i ricoveri. Fugatti in conferenza stampa: "Trentino resta in zona gialla"

In attesa del bollettino completo atteso nelle prossime ore dall'Azienda provinciale per i servizi sanitari, il presidente della Provincia Maurizio Fugatti ha anticipato alcuni dei dati di venerdì 14 gennaio. Sono 2.237 i nuovi contagi registrati in Trentino, e ci sono anche due vittime. La novità più importante arriva sul fronte ospedaliero, con i ricoveri in lieve calo: giovedì infatti ci sono stati 10 nuovi ricoveri e 13 dimissioni.

Il totale dei ricoveri scende così a 148: di questi 125 sono ricoveri in area medica, mentre 23 sono in terapia intensiva. Un dato che consentirà, come ha confermato lo stesso Fugatti, di restare in zona gialla anche per la prossima settimana. "Tra i criteri in esame (incidenza, terapie intensive e ricoveri in area medica) quest'ultimo è quello ancora sotto controllo: il limite per l'arancione infatti è fissato a 156" ha ricordato il presidente, evidenzianto però l'importante crescita dei ricoveri delle ultime settimane, scemato solo negli ultimi due giorni.

Fronte caldo sul fronte del contagio è quello dela scuola: "La nostra volontà è quella di fare il più possibile la scuola in presenza, anche se il livello del contagio oggi colpisce di più i giovani" ha detto Fugatti. Secondo i dati riportati dal dirigente del dipartimento istruzione Roberto Ceccato, gli studenti contagiati ad oggi sono 400, con 70 classi in quarantena. Mentre sono 500 gli insegnanti positivi al virus.

I dati completi

Come anticipato nella conferenza stampa post giunta, il bollettino quotidiano covid-19 riporta 2 nuovi decessi e 2.234 nuovi contagi mentre, sul fronte dei ricoveri ospedalieri, si contano 10 nuovi ingressi ai quali si contrappongono 13 dimissioni: il numero attuale di pazienti diventa pertanto pari a 148, di cui 23 in rianimazione. Le vaccinazioni nel frattempo si portano a quota 1.043.057, comprese 399.456 seconde dosi e 203.714 terze dosi.

Nel dettaglio, sono 116 i casi trovati positivi al tampone molecolare (su 1.308 test effettuati) e 2.118 quelli all’antigenico (su 11.651 test effettuati). I molecolari hanno anche confermato 166 positività intercettate nei giorni scorsi dai test rapidi.

Scorrendo questi dati per fasce di età ne esce la seguente situazione: 

  • 58 nuovi contagi tra 0-2 anni,
  • 65 tra 3-5 anni,
  • 133 tra 6-10 anni,
  • 92 tra 11-13 anni,
  • 157 tra 14-18 anni,
  • 731 tra 19-39 anni,
  • 695 tra 40-59 anni,
  • 184 tra 60-69 anni,
  • 60 tra 70-79 anni e
  • 59 di 80 o più anni.

Giovedì le classi in quarantena erano 70.  Si contano anche 1.331 nuovi guariti che portano il totale a 60.773. Entrambe i decessi sono avvenuti in ospedale e riguardano due uomini rispettivamente sui 75 e sugli 85 anni, entrambe con patologie; uno dei due non era vaccinato.

Vaccini senza prenotare: ecco quando

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari porta avanti con impegno la campagna vaccinale contro il Covid. "Il vaccino - spiega Apss -, è lo strumento di prevenzione più importante per proteggere sé stessi e gli altri dalla malattia e dalle sue gravi complicanze oltre a permettere, nel caso di bambini e ragazzi, la frequenza della scuola in presenza, delle attività sportive e ricreative". Sabato 15, domenica 16, sabato 29 e domenica 30 gennaio, dalle ore 8 alle ore 20, sono previste in tutti i centri vaccinali della provincia somministrazioni non stop per gli adulti con la possibilità di accesso diretto dalle ore 17.

Guarigione certificata anche con test antigenico

Sarà sufficiente un tampone antigenico, indipendentemente dallo stato vaccinale, per certificare la guarigione dal Covid-19 a fine isolamento. La decisione, che arriva dal Dipartimento di prevenzione dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari, è in linea con quanto indicato dalle circolari del Ministero della salute dell’11 agosto e del 30 dicembre 2021. Un modo per evitare i tempi dei tamponi molecolari, spesso lunghi, in una fase di forte aumento dei contagi. Il tampone rapido di guarigione, ricorda l'Apss, va prenotato in farmacia con i codici allegati al referto positivo su TreC+. Può anche essere fatto privatamente, sempre in farmacia o dai professionisti/centri privati abilitati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollettino coronavirus: i dati del 14 gennaio

TrentoToday è in caricamento