Cronaca

Bollettino coronavirus: i dati del 19 giugno

I dati vengono elaborati quotidianamente dall'Azienda provinciale per i servizi sanitari

Un altro gioro da zero decessi da Covid i Tretino. È quanto conferma il rapporto quotidiano del’Azienda provinciale per i servizi sanitari di sabato 19 giugni. Nel complesso sono stati rilevati 3 nuovi casi positivi al molecolare e 5 all’antigenico. I molecolari hanno confermato 1 positività intercettata nei giorni precedenti dai test rapidi. Le vaccinazioni stanno ormai raggiungendo quota 400.000, mentre i guariti (sabato 21) sono complessivamente 44.197.

Tra i nuovi positivi c’è anche un bambino tra 0-2 anni ed 1 caso in fascia 14-19 anni. In ospedale, a fronte di 2 dimissioni sono subentrati 3 nuovi ricoveri: il totale dei pazienti covid pertanto al momento è pari a 11, di cui 2 in rianimazione. Quasi 2400 i tamponi analizzati: 478 molecolari nel Laboratorio di Microbiologia dell’Ospedale Santa Chiara ed altri 1.876 rapidi antigenici.

Nel dettaglio, i vaccini somministrati fino a sabato mattina erano 396.759, di cui 149.459 seconde dosi. Le iniezioni che finora hanno riguardato gli anziani sono rispettivamente 65.475 (ultra ottantenni), 81.692 (70-79 annI) e 88.380 (60-69 anni)

Vaccini

Da lunedì 21 giugno in Trentino potranno prenotare le vaccinazioni coloro che hanno almeno 16 anni. A confermarlo è l’assessore provinciale alla salute Stefania Segnana che ricorda come l’arrivo di 6.000 dosi Pfizer in più rispetto al previsto consentirà all’Azienda provinciale per i servizi sanitari di riaprire gli slot delle vaccinazioni inserendo nella programmazione anche la categoria 16-17 anni.

Test Salivari

Parte la prima applicazione per i test salivari, la soluzione per monitorare la diffusione del Covid-19 interamente sviluppata in Trentino da Apss e Cibio con il sostegno della Provincia autonoma di Trento. Il progetto pilota si chiama “Screening dei bambini con test salivare” e, come intuibile, coinvolgerà i minori che frequentano i servizi estivi e relativi educatori e volontari che erogano l’attività educativa.

Zona bianca per il Trentino

Il Trentino è in zona bianca. Da lunedì 14 giugno sono cadute altre restrizioni, anche se non tutte. Il resto del Paese ha ancora qualche regione in zona gialla, ma entro luglio tutti dovrebbero cambiare fascia. Ma quali sono le regole in vigore da oggi e cosa cambia da giallo a bianco? 

  • In primo luogo il coprifuoco: in zona bianca è annullato. Nelle regioni in cui è in vigore il coprifuoco è vietato, negli orari dal mezzanotte alle 5 del mattino, spostarsi se non per ragioni di salute, lavoro, estrema necessità e urgenza con autocertificazione;
  • Poi ci sono le regole per ristoranti e bar: nella zona bianca è possibile sedersi fino a 6 persone a tavola e non c'è nessuna limitazione all'esterno; in zona gialla sono ancora in vigore le regole della riapertura: quattro persone al massimo per ogni tavolo;
  • Infine ci sono le piscine al chiuso, i parchi tematici, le sale giochi e le sale scommesse: riaprono tutti in zona bianca, mentre in zona gialla dovranno attendere ancora qualche giorno. Per il 15 giugno è prevista la riapertura dei parchi tematici e di divertimento; per il primo luglio le piscine al chiuso e le sale giochi. 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollettino coronavirus: i dati del 19 giugno

TrentoToday è in caricamento