Boom di presenze nelle seconde case a Madonna di Campiglio, il sindaco: "La montagna non è immune"

C'è chi ha interpretato "io resto a casa" intendendo la seconda

La Polizia Locale di Pinzolo - Madonna di Campiglio impegnata in controlli sul territorio

"La montagna non è imune da contagio, restate a casa". Questo, in sostanza, il messaggio lanciato dal sindaco del Comune di Tre Ville Matteo Leonardi, che comprende la nota località turistica di Madonna di Campiglio, uno dei luoghi simbolo del turismo alpino. Il messaggio è rivolto ai proprietari di seconde case che, aggirando il decreto che vieta gli spostamenti per l'emergenza coronavirus, stanno continuando ad arrivare in Val Rendena.

Molto, evidentemente, hanno interpretato il motto "io resto a casa" intendendo la seconda. "Il mio vuole essere un richiamo al buon senso ed al diritto di ognuno a trovare le giuste cure qualora ne avesse la necessità, diritto che non può essere messo in discussione da atteggiamenti egoistici" conclude il sindaco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco il messaggio

"Si raccomanda ai proprietari di seconde case di rispettare la disciplina dettata dai Decreti del Presidente del Consiglio, rimanendo nel proprio comune di residenza.
Chi dimora sul territorio comunale da prima dell'emissione dei DPCM può restare ma è importante che rimanga a casa al pari di un residente!
In data odierna ho ricevuto segnalazioni relative ad arrivi di persone nelle seconde case, a Madonna di Campiglio così come nelle frazioni di Montagne, Preore e Ragoli.
Tra i tanti dubbi che lascia questo nuovo virus vi è una certezza: "l'ambiente montano non è immune" e venendo qui non si scappa dal contagio.
Non è ammissibile che si eludano le direttive in un momento così delicato!
Egoisticamente, qualcuno può pensare che poche unità non vadano a modificare equilibri ma se questo comportamento viene ripetuto su scala diventa insostenibile.
Il sistema sanitario trentino è in grado di sostenere determinati numeri nei reparti di terapia intensiva, evidentemente calibrati alla consistenza della popolazione residente.
Dall'inizio di questa epidemia, o pandemia che dir si voglia, mi sono trattenuto da commenti e giudizi perché preferisco lasciare la parola agli esperti, il mio vuole essere un richiamo al buon senso ed al diritto di ognuno a trovare le giuste cure qualora ne avesse la necessità, diritto che non può essere messo in discussione da atteggiamenti egoistici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rubano l'acqua del Comune per le fragole ma prosciugano l'acquedotto: danno da 220.000 euro

  • Valfloriana: auto e moto a fuoco dopo lo schianto, una persona ha perso la vita

  • Covid, picco di contagi in Trentino: 76 nelle ultime 24 ore

  • Valfloriana, incidente mortale: motociclista muore carbonizzato

  • Coronavirus: 32 nuovi casi, ci sono altri 3 contagiati nelle scuole

  • Studente positivo asintomatico: isolati compagni di classe ed insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento