Troppi over70 contagiati, Fugatti: "Non si poteva prevedere, ora rischio zona arancione"

"Se aumentano gli ultrasettantenni positivi il contagio potrà anche calare ma le ospedalizzazioni continueranno a salire: sono raddoppiati, non era prevedibile"

Il livello di ospedalizzazioni, e indirettamente anche di decessi, del Trentino è conseguenza di un aumento di contagio tra gli ultrasettantenni. E' quanto ha riferito il presidente della Provincia autonoma Maurizio Fugatti sulla scorta di un'analisi dei dati svolta da Apss. "Oggi dobbiamo commentare una situazione locale che è alquanto critica: 15 ricoveri di cui 5 in terapia intensiva in 24 ore, è un dato oggettivamente preoccupante. Io sono preoccupato per quello che può succedere durante le feste. Se la percentuale di over70 aumenta vuol dire che il contagio può anche fermarsi o diminuire ma le ospedalizzazioni continueranno ad aumentare" ha detto in diretta Facebook.

Fugatti ha riferito di un aspetto che risulta evidente elaborando i dati trentini. "Abbiamo fatto un'analisi per capire per quale motivo di fronte ad un contagio che si è stabilizzato negli ultimi 20 giorni, anzi con un leggero calo, il livello delle ospedalizzazioni sia ancora così elevato. Ci siamo focalizzati sul dato degli over70. C'è stato un aumento dei positivi i questa fascia d'età: se per esempio in novembre i positivi ultrasettantenni erano il 14-15%, nei primi 10 giorni di dicembre questa percentuale è salita al 25%. Sapendo che gli over70 sono quelli che hanno più probabilità di entrare in ospedale, in terapia intensiva e sono quelli più vicini all'età media dei deceduti, è un dato che ci deve fare riflettere anche in vista delle festività natalizie".

Il Trentino rischia ancora la zona arancione? "Certamente, siamo a rischio zona arancione soprattutto sul dato delle ospedalizzazioni, come abbiamo detto anche prima delle scorse tre valutazioni, il dato dei ricoveri ci potrebbe portare in zona arancione. va detto che questi numeri li abbiamo già avuti. E' accaduta negli ultimi 10 giorni una cosa che non era prevedibile: che gli over70 positivi siano raddoppiati. Se il contagio fosse stato costante probabilmente il dato oggi sarebbe diverso."
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cashback di Stato, i rimborsi entro marzo e il "bug" dell'App Io

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Il Trentino rimane zona gialla, unico territorio in tutto il Nord Italia

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Impianti sciistici ancora nelle incertezze, Ghezzi: «Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna in zona arancione. E chi viene in Trentino?»

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento