Porfido, la denuncia in Consiglio: "Materiale dall'estero e manodopera ridotta"

Nella pausa dei lavori d'aula i consiglieri provinciali hanno incontrato il gruppo Coordinamento Lavoro Porfido, che da anni denuncia – anche con esposti in Procura, di cui si attendono gli esiti – i problemi del 'sistema porfido' in val di Cembra

Nella pausa dei lavori d'aula di oggi, i consiglieri provinciali hanno incontrato il gruppo Coordinamento Lavoro Porfido, che da anni denuncia – anche con esposti in Procura, di cui si attendono gli esiti – i problemi del 'sistema porfido' in valle di Cembra e la, presunta, ampia area di violazione delle regole che lo circonda. Vigilio Valentini e Enzo Sevegnani hanno rilanciato i loro allarmi, a partire dalla considerazione che la recente legge provinciale di riforma, la n. 1 del 2017, non avrebbe affatto intaccato i gravissimi problemi del comparto. Torna anche la segnalazione sull'ampia diffusione di porfido proveniente dall'estero, mentre le aziende concessionarie locali continuano – è stato detto oggi - "a ridurre la manodopera in valle, senza alcuna penalizzazione in termini di durata e vastità delle concessioni assegnate". Il coordinamento giudica "scandalosamente bassi i ritorni alla comunità del business sul porfido, materia prima non rinnovabile, che viene cavata per sempre, con grandi profitti privati e poca ricaduta sulle comunità (i canoni rappresenterebbero appena l'1,8% sul fatturato delle aziende)".    

Potrebbe interessarti

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

  • Moto, controlli della Polizia Locale: sorpreso in paese a 100 km/h

  • Mandrea Festival: i carabinieri controllano anche la Cannabis Light

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento