menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controlli della Finanza nei pubblici esercizi: 60 violazioni

Sul fronte di scontrini e ricevute fiscali, dai 350 controlli eseguiti sono emerse 60 violazioni per mancata o irregolare emissione di documenti fiscali. Per un bar proposta la chiusura. Identificati tre evasori totali

Anche gli esercizi pubblici delle località turistiche del Trentino sono entrati nel mirino della Guardia di Finanza che lo scorso fine settimana ha effettuato controlli volti alla repressione del lavoro nero e alla verifica dell'emissione di scontrini e ricevute fiscali.

In 122 ispezioni ad esercizi pubblici (bar, ristoranti, locali notturni, pub e discoteche), i finanzieri hanno controllato la posizione di circa 250 addetti scoprendo una trentina di casi di lavoratori irregolari.
 
Sul fronte di scontrini e ricevute fiscali, dai 350 controlli eseguiti sono emerse 60 violazioni per mancata o irregolare emissione di documenti fiscali, con un percentuale del 17%. Per un bar di una nota località di montagna verrà proposta la chiusura. Sono stati inoltre identificati tre evasori totali: un meccanico e due noleggiatori di sci. Fermati anche 150 automobilisti alla guida di auto di lusso. Per 40 di loro sono in corso accertamenti per verificare la loro reale capacità contributiva dato che hanno soggiornato in albergo per lunghi periodi pagando importi elevati.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Servizi bar e ristorazione all’aperto: tutte le indicazioni

social

Offerte di lavoro: in Trentino si cercano marinai

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Sanità, gli ospedali di Borgo e Tione liberi dal Covid

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus: 4 decessi e +85 nuovi contagi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento