menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controlli per alcol e droga: ritirate undici patenti su quattrocento

Sono stati 88 in più rispetto al 2010, per un totale di 419 veicoli fermati. Nove le persone che aveno bevuto oltre il limite di legge, 2 quelle con positività alle droghe. Dieci le uscite, con l'impegno di 49 agenti

Già dal 2010 il Comune di Trento ha aderito all’iniziativa promossa dal Ministero degli Interni, che ha elaborato un progetto di lavoro avente come obiettivo quello di contribuire a contenere il fenomeno della guida sotto l'effetto di sostanze stupefacenti e bevande alcoliche, per tentare di ridurre il numero di incidenti stradali, soprattutto nei fine settimana.

Nel corso del 2011 sono state effettuate 10 uscite (tra il 16 luglio e il 22 ottobre) mediante l'impiego complessivo di 49 agenti e 6 coordinatori, oltre alla presenza costante di un medico e di un gruppo di quattro infermieri e operatori sanitari.
 
Per i controlli sono state individuate le zone: sud (località Man); ovest (via Berlino-piazzale Ex Zuffo); valle dei Laghi (località Sarche); via Brennero (rotatoria di Nassyria); via Alto Adige (svicoli per località Spini e la strada provinciale 76 Gardolo-Lases.
 
Ci sono stati 88 controlli in più rispetto al 2010 per un totale di 419 veicoli fermati. Ben 402 guidatori sono stati sottoposti ad alcol test e 66 ai test per rilevare la presenza di stupefacenti. Nove le persone che aveno bevuto oltre il limite di legge, 2 quelle con positività alle droghe. In tutto sono state ritirate 11 patenti di guida, una in più della campagna di controlli dello scorso anno. In ogni caso, ben 393 guidatori erano perfettamente in regola, quasi il 98% del totale.
 
Il protocollo operativo (l'operazione è stata chiamata "estate tranquilla") prevede l'iniziale raccolta del consenso del conducente a sottoporsi agli accertamenti e una ricostruzione anamnestica dell'assunzione di sostanze nelle ultime  12 ore. Si eseguono, quindi, un test di screening preliminare su  saliva  e  un  esame dello  stato  psico-motorio specificatamente  mirato  alla valutazione dello  stato di vigilanza,  coordinamento,  reattività e orientamento, anche  con l'ausilio  di un misuratore dei  Tempi  di  Risposta Nervosa (TRN) a stimoli di tipo visivo ed uditivo (esami non invasivi). In caso di esito positivo dei test preliminari,la persona viene inviata presso il pronto soccorso per il  prelievo del sangue che, assieme agli altri campioni biologici raccolti, viene inviato in laboratorio per l'analisi di verifica. 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
  • Meteo

    Nevica sul Monte Bondone

  • Cronaca

    Addio alla Rosetta: Levico perde una nonna speciale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento