menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Contributo economico mensile da 550 a 1500 euro per gli invalidi

Approvazione definitiva dei criteri da parte della Giunta provinciale: stabilito il contributo economico per l’assistente personale del richiedente

La Giunta provinciale, su proposta dell’assessore Luca Zeni, ha approvato in via definitiva, nell’ultima seduta, i criteri attuativi del modello d’intervento in materia di vita indipendente e inclusione nella società delle persone con disabilità. Gli interventi, che possono essere di natura economica o in termini di servizi, non hanno natura meramente assistenziale, ma perseguono la finalità di sviluppare il percorso di autonomia, inclusione sociale e consapevole realizzazione del progetto di vita della persona. Sono rivolti a persone disabili adulte di età compresa fra i 18 e 64 anni, capaci di autodeterminare la propria volontà, affinché attraverso il previsto sostegno economico siano in grado di gestire in modo autonomo la propria esistenza, intraprendendo percorsi di studio, di lavoro e di partecipazione alla vita sociale. Le persone che possono richiederlo devono essere invalide al 100%, con indennità di accompagnamento e riconoscimento di handicap con connotazione di gravità ai sensi della L.104/1192. 

Con l’approvazione definitiva dei criteri da parte della Giunta, il contributo economico per l’assistente personale, parte di un più ampio insieme di interventi finalizzati alla vita indipendente, quali quelli forniti, ad esempio, dalle nuove tecnologie domotiche, è stato definito nella misura minima e massima mensile di 550 e di 1.500 euro, in quanto ritenuto maggiormente rispondente al fabbisogno correlato allo svolgimento di una vita indipendente rispetto a quanto precedentemente previsto. L’importo verrà stabilito in base all’indicatore Icef. Il limite superiore dell’indicatore oltre il quale non viene corrisposto alcun intervento di vita indipendente è pari a 0,36. Viene concesso l’importo massimo qualora non venga superato il limite inferiore dell’Icef familiare pari a 0,18. L’intervento è definito a seguito di valutazione da parte dell’Unità valutativa multidisciplinare del distretto sanitario territorialmente competente, che elabora il progetto individualizzato insieme all’interessato e alla sua famiglia e individua il case manager di riferimento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento