rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
Ferie rovinate / Val di Fiemme e Fassa

Positivi al covid durante la vacanza: il Comune li riporta a casa

Alcuni dei positivi sono tornati a casa con l’intervento di parenti, per gli altri nove è stato organizzato il trasporto speciale dal Comune e dall’agenzia viaggio

Sono rientrati mercoledì 13 luglio, con un trasporto dedicato e organizzato dal comune di Rimini, i nove vacanzieri che sono risultati positivi al coronavirus durante una vacanza organizzata in Val di Fassa. Tutti, per fortuna, sono senza o con lievi sintomi. I 9 anziani riminesi, come riporta RiminiToday, avrebbero rischiato di non tornare a casa a breve, se non fosse stato per l’intervento del Comune di Rimini che, con l’interessamento dell’assessore ai servizi sociali  Kristian Gianfreda, ha organizzato un trasporto dedicato. 

Gli anziani si era contagiato durante la vacanza fatta insieme alla loro comitiva di amici, circa 30 persone tutte di Rimini. Alloggiavano in una struttura alberghiera a Vigo di Fassa, era un viaggio organizzato di dieci giorni (dal 3 al 13 luglio). A rovinare le loro ferie ci ha pensato il corona virus per il quale, con il tampone positivo della settimana precedente, oltre 10 persone erano state costrette a chiudersi nelle loro camere d’albergo.  

Alcuni dei positivi sono tornati a casa con l’intervento di parenti, per gli altri nove è stato organizzato il trasporto speciale dal Comune e dall’agenzia viaggio. Quest’ultima infatti ha noleggiato 2 pulmini condotti da 2 autisti volontari dell’associazione carabinieri, contattati dal Comune e che si sono offerti per portare a Rimini gli anziani in difficoltà.

La manovra ha consentito il ritorno a casa dei turisti riminesi contagiati ed evitato così il loro trasferimento. La capogruppo, dopo che l’Apss di Trento ha vietato il trasporto dei contagiati in un unico autobus, si è attivata con diverse telefonate, dall’agenzia fino al Comune, ottenendo subito la risposta dell’Assessore ai servizi sociali che si è immediatamente attivato.

“Sono intervenuto - dichiara Kristian Gianfreda, Assessore ai servizi sociali - perché nessun vettore era disposto ad accompagnare i positivi, nonostante che la normativa Ausl preveda un protocollo che autorizza al trasporto anche i privati cittadini. Voglio ringraziare tutta l’associazione Carabinieri di Rimini e in particolare i volontari che si attivano ogni volta nelle situazioni di necessità. Con il loro aiuto in questo caso siamo riusciti a portare a casa i nostri cittadini che adesso potranno proseguire e concludere a Rimini il percorso di cura e delle verifiche dei  tamponi d’uscita previsti dalla procedura sanitaria".

Fonte: RiminiToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Positivi al covid durante la vacanza: il Comune li riporta a casa

TrentoToday è in caricamento