menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Andrea Diprè

Andrea Diprè

Consulenza da 150 mila euro per il critico d'arte

Panizza: "Pronta una performance che consisterà nel radunare almeno 1.000 persone vestite da Schutzen in piazza Cesare Battisti per rappresentare la verà nudità dei trentini, alla faccia di chi vuole toglierci l’autonomia"

E’ stata data questa mattina nella sala stampa del palazzo della Regione, la notizia che l’assessorato alla cultura di Panizza stanzierà un fondo di 150.000 euro per le consulenze di Andrea Diprè, che come apprendiamo dal suo sito,  si dice essere il più famoso critico d’arte del mondo.Trentino di Stenico, Diprè ha studiato Giurisprudenza e successivamente Scienze dei beni culturali all’università degli studi di Trento, ora ha una sua trasmissione sul canale 865 di Sky tv.

Diprè è diventato giustamente famoso per aver scovato e promosso grandi artisti come Osvaldo Paniccia e la nemesi poetica delle suo opere e Ardian Tragaj, che con i suoi quadri è in grado di “addentare l’anima delle cose”, solo per citare alcuni esempi.
 
Viene da chiedersi come mai la scelta di Panizza, legatissimo alla tradizione locale, sia ricaduta su di un giovane così fuori dagli schemi, che non si fa problemi ad abbattere i dogmi dell’arte contemporanea quando suo malgrado è costretto a scontrarsi con dinosauri come Achille Bonito Oliva e uscirne vincitore indiscusso.
 
Secondo Panizza “Diprè e il suo modo di interpretare l’arte e la cultura in generale rappresentano perfettamente il modus operandi che ha utilizzato l’assessorato alla cultura fino ad adesso”. “Diprè – continua Panizza - ha portato la trentinità nelle case di tutti gli italiani  distruggendo lo stereotipo del trentino orso e musone e noi ne siamo orgogliosi.”
 
Cosa aspettarsi per il futuro? “L’arte non è una scienza esatta, ma sono sicuro che vi stupiremo con effetti speciali” aggiunge Panizza. Sappiamo però che per celebrare il sodalizio tra il grande critico e l’assessorato verrà fatto un omaggio al grande fotografo e artista dei “nudi di massa” (naked states) Spencer Tunick. “La performance - prosegue Panizza - consisterà nel radunare almeno 1.000 persone vestite da Schutzen in piazza Cesare Battisti per rappresentare la verà nudità dei Trentini, ovvero la loro tirolesità alla faccia di chi vuole toglierci l’autonomia".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento