rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Centro storico / Piazza Dante

Soccorso Alpino, molti incidenti sui sentieri: "Colpa delle scarpe"

Boom di incidenti su sentieri relativamente poco impegnativi: a volte basta una caduta per mettersi in situazione di pericolo. Il Soccorso Alpino offre aiuto ad alpinisti ed escursionisti, turisti e trentini, ma anche qualche consiglio su come evitare di scomodare un intero gruppo di soccorritori

Periodo intenso per gli uomini del Soccorso Alpino, impegnati su tutte le montagne trentine a soccorrere alpinisti ed escursionisti in difficoltà. Se è vero che la montagna è imprevedibile e, oltre che meravigliosa, anche insidiosa è vero anche che qualcosa si può fare per "limitare" un po' la sfortuna, ed anche il lavoro dei soccorritori. In moltissimi casi infatti i tecnici del Soccorso Alpino si trovano a dover recuperare persone che non sono proprio degli Achille Compagnoni. Ricordando che trentini e turisti possono sempre contare sul pronto intervento 24 ore su 24 il Soccorso Alpino lancia dalla propria pagina facebook alcune avvertenze: "Gli incidenti sui sentieri sono spesso causati dalla disattenzione, dalla stanchezza o da calzature non adeguate al percorso intrapreso.


Può sembrare una banalità ma le scarpe, in montagna, possono fare la differenza in molti casi. Domenica scorsa l'Area Operativa del Trentino Orientale è intervenuta per prestare soccorso ad un escursionista che, sul sentiero del Rifugio Treviso in Val Canali, è caduto urtando violentemente l'anca a terra. i soccorritori della stazione di San Martino di Castrozza lo hanno trasportato a valle in barella. Altri incidenti simili, ovvero di persone ferite su sentieri relativamente non impegnativi, si sono verificati in Val di Fiemme in Località Lago Brutto, a Mezzocorona in località Monte di Mezzocorona, in Primiero sul sentiero per il Rifugio Velo della Madonna, in Val di Rabbi nei pressi del Lago Corvo e in Val di Fassa sul sentiero 528 che collega Col Rodella con Campitello. In alcuni casi la colpa di cadute, che a volte possono realmente bloccare l'escursionista dov'è, è da imputare alle calzature non adeguate.

"Il Soccorso Alpino raccomanda calzature adatte a muoversi su terreni di montagna - prosegue la nota - che devono soddisfare alcuni principi essenziali: suola antiscivolo in gomma, comodità, traspirabilità, tenuta all’acqua, leggerezza, performance e non ultima, soprattutto in climi rigidi, la termicità". Un'altra indicazione riguarda la scelta del percorso: "Si raccomanda di affrontare sempre itinerari adatti alla propria preparazione fisica e tecnica". Ed infine il casco, raccomandato non solo per le arrampicate ma anche "sui sentieri di avvicinamento e nei tratti sottostanti pareti di roccia: Il casco ha una funzione di assorbimento dell'energia creata dalla caduta o dall'urto in caso di volo, ma ha anche una funzione di assorbimento dell'urto in caso di caduta di pietre".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soccorso Alpino, molti incidenti sui sentieri: "Colpa delle scarpe"

TrentoToday è in caricamento