rotate-mobile
Cronaca Centro storico / Via Giuseppe Gilli

Trentino trilingue: "normativa inesistente", Giugni scrive all'Agenzia delle Entrate

Ancora sotto attacco i due concorsi decisi con delibera di Giunta per il reclutamento di 160 nuovi insegnanti madrelingua, in ruolo dall'anno prossimo. La consigliera di Trentino Punto e a Capo interpella il Garante del Contribuente

"Scelte effettuate in base ad una normativa sconosciuta e con modalità non trasparenti": un'altra spina nel fianco al "Trentino trilingue". A piantarla è la consigliera comunale Giovanna Giugni che riguardo alle modalità di reclutamento dei 160 nuovi insegnanti (sono già oltre 2000 le domande pervenute, clicca qui) ha scritto al Garante del Contribuente presso l'Agenzia delle Entrate.

La delibera che istituisce i concorsi che si svolgeranno ad aprile non sarebbe, secondo Giugni, una regolare selezione pubblica: "pare  certo che alcuni di questi "docenti" (virgolettato della consigliera ndr) già lavorino nelle scuole; ci si chiede quanti siano, come siano stati selezionati e in base a quale normativa, forse il Garante del Contribuente potrebbe essere d'aiuto ai docenti e a tutti i trentini che, proprio come contribuenti al quarto posto tra i più tassati in Italia, sopportano il peso degli eventuali stipendi e compensi aggiuntivi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trentino trilingue: "normativa inesistente", Giugni scrive all'Agenzia delle Entrate

TrentoToday è in caricamento