Coltiva marijuana nei boschi di Capriana: arrestato dai carabinieri

Per gli elementi raccolti dai carabinieri di Molina di Fiemme, è scattato l'arresto dell'uomo per il reato di coltivazione di sostanze stupefacenti: l'uomo ha patteggiato 4 mesi di reclusione ed una multa di 1.000 euro

Un 45enne residente a Capriana è stato arrestato per coltivazione di marijuana dai carabinieri della stazione di Molina di Fiemme, che con la collaborazione della forestale di Cavalese ha individuato nei giorni scorsi una rigogliosa coltivazione di marijuana localizzata in una zona quasi inaccessibile del Comune di Capriana. Durante gli appostamenti i carabinieri hanno visto che le piante erano quotidianamente curate ed innaffiate dal quarantacinquenne che, nella serata del 31 luglio, è stato fermato proprio mentre stava prendendosi cura delle piante. I militari hanno trovato 11 piante di marijuana alte circa 1 metro e mezzo, che sono state estirpate e poste sotto sequestro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per gli elementi raccolti dai carabinieri di Molina di Fiemme, è scattato l'arresto dell'uomo per il reato di coltivazione di sostanze stupefacenti. Maria Colpani, magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Trento, ha deciso per la restrizione dell’arrestato presso le camere di sicurezza della Compagnia carabinieri di Cavalese ed il successivo giudizio direttissimo che si è celebrato nella mattinata odierna presso il tribunale di Trento con il patteggiamento dell'uomo a 4 mesi di reclusione ed una multa di 1.000 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: casi in diminuzione da 3 giorni. "Se i numeri saranno confermati siamo in discesa"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento