menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coldiretti: un agricoltore di montagna su due lascia. Il ministro Olivero annuncia la legge delega

Tutto incentrato sui boschi il convegno della Coldiretti nazionale oggi a Trento, presente anche il ministro alle Politiche Agricole Andrea Olivero

I boschi italiani potrebbero garantire fino a 35mila posti di lavoro in più ma un agricoltore su due ha già lasciato la montagna. L'Italia è il più grande importatore di legna da ardere e nel frattempo la superficie boschiva del territorio nazionale, che è raddoppiata dall'Unità d'Italia ad oggi, è minacciata da rischio  idrogeologico ed incendi. Questi i paradossi sottolineati dalla Coldiretti, per voce del presidente nazionale Moncalvo, oggi a Trento.

All'incontro era presente anche il ministro Olivero che ha annunciato una delega al Governo per una nuova legge sulla forestazione. "Un provvedimento pensato ed immaginato nell'interesse delle nostre montagne", questa la dichiarazione del ministro ripresa dall'Ansa, mentre secondo la denuncia del sindacato gialloverde ad oggi viene utilizzato solamente il 30% della ricrescita annuale dei boschi, mentre l'importazione rispetto al fabbisogno di legna è all'80%.

Un patrimonio che di certo non si cura da solo, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, ma ha bisogno della manutenzione (e dello sfruttamento rispettoso) dell'uomo. "In montagna più di un agricoltore su due (53%) - sottolinea la Coldiretti - ha abbandonato l'attività nell'arco di vent'anni, determinando la scomparsa di 2,2 milioni di ettari di superficie agricola, con il territorio esposto al dissesto e 'aggredito' dai boschi, secondo le elaborazione sui censimenti Istat. Il rischio concreto è lo spopolamento della montagna anche dalla presenza degli allevamenti, che hanno garantito fino ad ora biodiversità, ambiente e equilibrio socio economico delle aree più sensibili del Paese". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento