Giro di coca in Val di Fiemme: 100 "clienti" convocati dai carabinieri

Prosegue il lavoro degli inquirenti per completare il quadro delle attività della "banda del bar" sgominata nei mesi scorsi

Sono circa un centinaio i clienti della rete dello spaccio sgominata nei mesi scorsi dai Carabinieri di Cavalese. L'operazione portò ad individuare un bar di Castello di Fiemme quale covo della banda e "fabbrica" per raffinare la coca che veniva rivenduta nelle valli vicine. 

I carabinieri sono ancora  al lavoro per ricostruire il quadro completo delle attività illecite della banda: per esempio è stato calcolato che uno dei membri più importanti del sodalizio poteva arrivare ad incassare anche 42.000 euro nel corso dell'arco temporale preso in esame. 

Altro triste dettaglio: tra gli acquirenti c'erano anche non pochi minorenni. In particolare uno dei pusher della banda, operativo in Val di Cembra, su 618 cessioni contestate, avrebbe venduto droga a minori in più di 200 occasioni. In alcuni casi i clienti avrebbero consumato direttamente nel locale, sopra allo sciacquonedel bagno. Sono 70 gli assuntori segnalati alle autorità competenti, compresa la Motorizzazione Civile, riconducibili al giro di spaccio del bar.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coniugi bolzanini scomparsi: trovati degli indumenti nell'Adige a sud di Trento

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Il Trentino rimane zona gialla, unico territorio in tutto il Nord Italia

  • Proverbi trentini di gennaio: tra viole, lucertole, neve e santi

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento