menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piergiorgio Chini torna in libertà dopo i guai giudiziari

Il legale dell'imprenditore sottolinea la "situazione paradossale" della giustizia italiana, in cui un uomo è stato condannato e ha espiato la pena senza però che si sia arrivati ad una sentenza civile definitiva sul fallimento

Dopo due anni di affidamento in prova ai servizi sociali, è tornato libero Piergiorgio Chini, l'imprenditore ed ex patron del Trento Calcio condannato dal Tribunale di Trento a cinque anni di reclusione per il reato di bancarotta fraudolenta a seguito del fallimento della società Chini Costruzioni, dichiarato dal tribunale nel febbraio del 2004. Sarà ora il Tribunale di sorveglianza a valutare le risultanze dell'affidamento in prova.

Nel rendere nota la vicenda, il legale di Chini, l'avvocato Fabio Valcanover, sottolinea la "situazione paradossale" della giustizia italiana, in cui un uomo è stato condannato in via definitiva e ha espiato la pena senza però che si sia arrivati ad una sentenza civile definitiva sul fallimento, per il quale l'imprenditore trentino era stato chiamato in giudizio.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento