rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca Villazzano / Salita dei Molini

Servizi essenziali agli anziani: apre un nuovo centro di assistenza

Nei centri servizi sono erogate prestazioni considerate come livello essenziale di assistenza, tra cui rientrano il bagno e la doccia assistiti e il servizio mensa, erogate su domanda dell'interessato

Dal 6 marzo è aperto il nuovo centro servizi anziani di via dei Molini, dietro l'ospedale San Camillo, già operativo dal 2010 con il servizio mensa. Il centro è gestito dall'Azienda pubblica di servizi alla persona Civica di Trento in collaborazione con le Cooperative Kaleidoscopio e Le Coste ed è aperto due mattine in settimana dalle 8 alle 12: una dedicata ai servizi di parrucchiere/barbiere l'altra a prestazioni di pedicure/manicure. Per il servizio di doccia e bagno è necessario prenotare gli appuntamenti almeno tre giorni prima della prestazione.

L'apertura del nuovo centro servizi, comunica il Comune di Trento in una nota, consente di dare risposta in centro città alla crescente richiesta di più frequenti prestazioni di cura ed igiene alla persona a favore di persone anziane e/o adulti con limitata autonomia, in particolare per le prestazioni di podologo e parrucchiere. Dopo il trasferimento nel 2010 del centro servizi gestito dalla Civica di Trento dalla sede di via San Giovanni alla nuova sede di via della Malpensada, collocata in zona più periferica, si è infatti incrementata notevolmente la richiesta di prestazioni di cura e di igiene alla persona presso il centro servizi che opera in via Belenzani, con conseguente allungamento dei tempi di risposta nei confronti degli utenti e minor frequenza di erogazione. Per questo motivo in fase di avvio anche gli utenti iscritti al centro servizi di via Belenzani potranno accedere anche alle prestazioni erogate in via dei Molini. In città i centri servizi sono presenti anche in Clarina (Il Girasole), a Gardolo e a Povo.

Nei centri servizi sono erogate prestazioni considerate come livello essenziale di assistenza, tra cui rientrano il bagno e la doccia assistiti e il servizio mensa, erogate su domanda dell'interessato, valutazione ed invio del servizio sociale in cui rientrano. La quota di compartecipazione è calcolata con indicatore Icef. Nel 2016 le prestazioni erogate sono state in totale 6.090 a favore di 715 utenti. Gli iscritti complessivi sono stati 959. Per favorire la socializzazione il centro servizi può essere anche sede di attività socio-ricreative, culturali, motorie e occupazionali, come accade per esempio nelle sedi di via Belenzani e di Povo. In questo caso la domanda viene presentata direttamente ai centri che la offrono e per l'accesso ai servizi occorre l'iscrizione al centro, con il versamento di una quota annuale. Nel 2016 gli iscritti in totale sono stati 1.131, 852 al Centro Contrada Larga e 279 a Povo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizi essenziali agli anziani: apre un nuovo centro di assistenza

TrentoToday è in caricamento