menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giro di prostituzione in centro: chiuso un centro massaggi cinese

Normale controllo fiscale della Finanza, poi i sospetti sono stati confermati con le testimonianze di diversi clienti

Giro di prostituzione in città: la Guardia di Finanza mette i sigilli ad un centro massaggi cinese. L'operazione è nata in seguito a dei normali accertamenti fiscali, ma come spesso capita in questi casi quello che è venuto alla luce è altro. 

Controllo fiscale, poi l'indagine sulle prestazioni sessuali

Sull'attività illecita dell'esercizio c'erano già dei sospetti, ma si trattava solamente di ipotesi, per le quali serviva una conferma. I finanzieri si sono presentati dal titolare, come detto, per un normale controllo. Parallelamente, però, sono stati sentiti diversi clienti del "centro massaggi" (a questo punto le virgolette sono d'obbligo) che hanno testimoniato come all'interno venissero offerte prestazioni sessuali dietro pagamento.

Pagamento, ovviamente, in nero. Il denaro contante sequestrato deve essere ancora quantificato, ma si parla di cifre ingenti. La Guardia di Finanza ritiene che solo una piccola parte arrivasse dai massaggi. L'esercizio in questione si trova in piazza Mosna, all'interno d un moderno complesso residenziale e commerciale di via Sanseverino. Per ora c'è un solo indagato: il titolare, con la pesante accusa di sfruttamento della prostituzione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Due nuovi vaccini anti-Covid in arrivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento