Massaggiatrice senza abilitazione, denunciata

Quando i Nas si sono presentati alla porta dell'appartamento di Linfano di Arco la donna ha esibito un attestato falso, ed era inoltre pagata in nero

Centro massaggi abusivo a Linfano di Arco. Ad accertare la mancanza delle necessarie autorizzazioni sono stati i Nas di Riva del Garda che ieri pomeriggio hanno fatto irruzione nell'appartamento dopo le ripetute segnalazioni da parte dei residenti che avevano notato uno strano via vai. Oltre alle carenze dal punto di vista igienico-sanitario i militari hanno appurato  la  falsità dell'attestato di abilitazione alla professione terapeutica esibito dalla "titolare" dell'attività, una cittadina cinese di 46 anni. Tutti i pagamenti naturalmente venivano effettuati "in nero". La donna è stata denunciata in stato di libertà per esercizio abusivo della professione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Supermercati: vietato scegliere quello più conveniente, spesa solo vicino a casa

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento