Cenere nei cassonetti dell'organico: incendio a Storo

Dopo il caso di Riva altri cassonetti icendiati a Storo, questa volta la causa accertata è la cenere gettata nell'organico

L'intervento dei VVFF di Storo

Mentre si indaga ancora sull'incendio che ha distrutto l'isola ecologica della spiaggia degli Olivi a Riva del Garda un altro episodio simile è avvenuto a Storo, dove i Vigili del Fuoco volontari sono intervenuti per spegnere due cassonetti dei rifiuti incendiati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa volta la causa è certa: qualcuno ha buttato nel cassonetto destinato ai rifiuti organici della cenere ancora calda. Il calore ha innescato la combustione, generando fiamme che hanno reso inutilizzabili due cassonetti. A non essere certa è l'identità dei responsabili, sulla quale stanno indagando gli agenti della Polizia Locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bomba da disinnescare: autostrada, statale e ferrovia del Brennero bloccate

  • Elezioni comunali a Trento: ecco i più (e i meno) votati

  • Neonato morto a 30 ore dalla nascita: dramma all'ospedale di Rovereto

  • Freddo intenso, anche 10° sotto la media: il riscaldamento si può già accendere

  • Elezioni comunali, ecco il voto nelle circoscrizioni

  • Galleria di Martignano: testa-coda sull'asfalto bagnato poi si schianta contro il guard rail

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento