menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Celiachia, denaro per acquistare cibo senza glutine

Niente più tessera o buono per comperare prodotti senza glutine in negozi specializzati. "Viene data risposta a una esigenza molto sentita: acquistare i prodotti glutenfree anche nella grande distribuzione"

Ai celiaci saranno erogate direttamente somme di denaro (a regime dal 1° ottobre 2012), verrà convertito il codice relativo alla diagnosi di malattia celiaca e si passerà da malattia rara a cronica e invalidante, sarà approvato un protocollo per individuare un percorso diagnostico e terapeutico unico per tutto il territorio provinciale, infine verranno creati due ambulatori “integrati”, multidisciplinari e multiprofessionali. Queste le principali novità della deliberazione approvata oggi dalla Giunta provinciale, su indicazione dell'assessore alla salute e politiche sociali, Ugo Rossi, che attua la legge provinciale 8/2011 relativa agli "Interventi a favore delle persone affette da celiachia".

"Si tratta di una normativa all'avanguardia, che abbiamo messo a punto grazie anche al confronto con l'Aic trentino, con la quale abbiamo lavorato in sinergia - è il commento dell'assessore alla salute e politiche sociali, Ugo Rossi -. Viene finalmente data risposta a una esigenza molto sentita: poter acquistare i prodotti glutenfree anche nella grande distribuzione. Speriamo, infine, di aver saputo fornire gli stimoli giusti affinché in futuro, sul territorio - fra gli gli operatori commerciali, le associazioni di categoria, il comparto della ristorazione - cresca una maggiore consapevolezza di cosa significa essere celiaci, una malattia che proprio la legge dello scorso anno definisce sociale".
 
I nuovi importi (minori per alcune fasce d’età rispetto ai limiti massimi finora rimborsati alle farmacie) sono i seguenti: da 0 a 3 anni verrà messa a disposizione una somma trimestrale di 186 euro, annuale di 744; da 3 a 8 anni una somma trimestrale di 297 euro e annuale di 1.188; da 8 a 15 anni trimestrale di 420 euro e annuale di 1.680 euro; infine i 15 anni una somma trimestrale di 435 euro e annuale di 1.740 euro.
 
Visti i tempi necessari all’Azienda provinciale per i Servizi sanitari per l'adeguamento dei sistemi informativi e per l'effettuazione delle attività correlate all'erogazione del contributo, la nuova modalità di erogazione sarà operativa già dal 1° giugno per le nuove diagnosi, e completamente a regime, anche per i cittadini già in possesso delle autorizzazioni mensili a partire dal 1° ottobre 2012.
 
Si è stabilito che l’erogazione avvenga a cadenze trimestrali anticipate, per non costringere i celiaci ad anticipare somme di denaro di tasca propria e garantire la continuità dell’erogazione nella fase di passaggio dal vecchio al nuovo sistema. Verranno effettuati controlli sull’effettiva destinazioni delle somme all’acquisto di prodotti individuati nel Registro nazionale degli Alimenti senza glutine (ministeriale) o nel Prontuario degli alimenti tenuto dall’AIC - Associazione italiana celiachia.
 
Previsti anche interventi formazione degli operatori e di sensibilizzazione della cittadinanza, nonché un monitoraggio sull’applicazione del provvedimento, anche attraverso il confronto annuale con Aic - l’Associazione italiana celiachia e le farmacie convenzionate con il Servizio sanitario provinciale, per valutare eventuali criticità emerse.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La pillola contro il Covid: arriva il vaccino senza puntura

Ultime di Oggi
  • Attualità

    La pillola contro il Covid: arriva il vaccino senza puntura

  • Cronaca

    I dati del coronavirus in Trentino del 9 maggio

  • Attualità

    Viabilità, domenica di code in autostrada

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento