La cerimonia / Cavedine

Un nuovo prete per la chiesa di Trento: sabato l’ordinazione di Alberto Bolognani

L’Arcivescovo Lauro Tisi presiederà la cerimonia di ordinazione nella cattedrale

Oggi pomeriggio, la cattedrale di Trento sarà teatro di un importante evento per la comunità cattolica: l’ordinazione presbiterale di Alberto Bolognani, un giovane di 26 anni originario di Vigo Cavedine. La cerimonia, che avrà inizio alle ore 15, sarà presieduta dall’arcivescovo Lauro Tisi e segnerà l’inizio di un nuovo capitolo nella vita del neo-prete, che ha seguito un percorso di formazione presso il Seminario diocesano.

Il percorso di Alberto Bolognani

Nato nel 1998, Alberto è cresciuto nella comunità di Vigo Cavedine, un piccolo borgo del Trentino. La sua vocazione è maturata attraverso un intenso percorso di studio e impegno pastorale. Ordinato diacono lo scorso 8 dicembre da monsignor Tisi in S. Maria Maggiore, Alberto ha trascorso gli ultimi sei mesi nella comunità di Cavalese, dove ha svolto il suo servizio diaconale e ha potuto vivere l’esperienza della fraternità presbiterale.

La cerimonia di ordinazione

La celebrazione segnerà la definitiva consacrazione di Alberto come prete. Durante la Messa, che sarà trasmessa in diretta sul canale YouTube della diocesi e su Telepace Trento, avrà luogo il rito dell’imposizione delle mani da parte dell’arcivescovo Lauro Tisi e dei confratelli preti presenti in duomo. Un gesto simbolico  che sancisce l’inizio del ministero sacerdotale di Alberto, sottolineando l’importanza della comunione tra sacerdoti.

Il futuro ministero

Dopo l'ordinazione, don Alberto celebrerà la sua prima messa domenica 23 giugno alle ore 16 nella chiesa parrocchiale di San Biagio, nel suo paese natale di Vigo Cavedine. Dall’autunno prossimo, Alberto proseguirà il suo servizio come vicario parrocchiale nella comunità di Cavalese, dove ha già iniziato a conoscere e a collaborare con i fedeli.

Alberto, oltre a dedicarsi alla sua vocazione religiosa, nutre una profonda passione per la cucina, le campane e la musica di Eros Ramazzotti. Interessi personali che lo aiutano a mantenere un equilibrio tra la vita spirituale e quella quotidiana, arricchendo il suo approccio al ministero pastorale. A pochi giorni dall’ordinazione, Alberto ha condiviso le sue riflessioni sul cammino che lo ha portato a questo importante traguardo: "Mi piace pensare che sia tutto parte di un cammino e l’ordinazione sarà un passo che farò accompagnato da tante persone incontrate in questi anni. Penso che non si diventi prete per sé stessi, ma anzitutto per le comunità". Il giovane prete ha infine espresso il desiderio di portare la testimonianza di Cristo attraverso un ascolto attento e la condivisione delle esperienze di vita, sottolineando l’importanza della relazione umana e della capacità di mettersi nei panni dell’altro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un nuovo prete per la chiesa di Trento: sabato l’ordinazione di Alberto Bolognani
TrentoToday è in caricamento