Cronaca Pozza di Fassa

Resta bloccato su una parete del Catinaccio, interviene l'elisoccorso

Un uomo si era perso e non poteva più scendere o salire. Recuperato illeso dal soccorso alpino

Immagine di repertorio

Se l'è cavata solo con un grande spavento un escursionista di 68 anni originario di Concorezzo (Lombardia), salvato dall'elisoccorso sul gruppo del Catinaccio in Val di Fassa nel primo pomeriggio di venerdì 20 agosto.

L'uomo era da solo e aveva sbagliato itinerario, per poi ritrovarsi su una piccola cengia lungo un canale molto impervio verso la pala di Mesdì, senza possibilità di salire o scendere. Il soccorso alpino è stato allertato intorno alle 13:30, ed è stato subito chiesto l'intervento dell'elicottero.

Dato che non era stato possibile definire con precisione la posizione dell'uomo, l'elicottero ha imbarcato a bordo un operatore della stazione Centro Fassa, per aiutare l'equipaggio nella ricerca dall'alto. In poco tempo l'escursionista è stato individuato e l'elicottero ha sbarcato il tecnico di elisoccorso circa 60 metri più a valle. Il soccorritore ha raggiunto l'uomo arrampicando lungo il canale di roccia misto neve. Successivamente l'escursionista, illeso, è stato recuperato a bordo dell'elicottero con il verricello e trasportato al rifugio Gardeccia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Resta bloccato su una parete del Catinaccio, interviene l'elisoccorso

TrentoToday è in caricamento