Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca San Colombano

Errore nel calcolo della rendita della centrale di San Colombano: danno erariale da 400mila euro

A giudizio due funzionari del catasto: dal 2007 al 2016 avrebbero calcolato male la rendita della centrale idroelettrica, determinando una minor entrata di imposte pari a 400.000 euro per i Comuni

Stime sbagliate nella rendita catastale di una piccola centrale idroelettrica sul torrente Leno a San Colombano. Un errore che, protrattosi per anni dal 2007 al 2016 ha determinato quasi 400.000 euro, tra Imu, Ici e Imis, mai incassati dai Comuni che ne avevano diritto.

L'indagine della Guardia di Finanza, iniziata ad agosto 2015, dopo più di due anni ha permesso di accertare il danno. Due funzionari del Servizio Catasto della Provincia autonoma di Trento sono stati segnalati alla Corte dei Conti, che ha provveduto a citarli in giudizio. 

"Accanto alla determinazione della rendita catastale in misura inferiore - si legge nella nota della Guardia di Finanza di Trento - è emersa una presunta sottostima del valore al metro cubo del “corpo di diga” nonché la mancata considerazione di alcune voci relative ai costi di costruzione e di alcune importanti infrastrutture accessorie, quali strade, gallerie e opere di derivazione, che fanno invece parte integrante della centrale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Errore nel calcolo della rendita della centrale di San Colombano: danno erariale da 400mila euro

TrentoToday è in caricamento