Cronaca

Bollo auto, inviate ai cittadini cartelle non valide

Il bollo, infatti, è già stato pagato da moltissimi cittadini tramite bancomat o alle poste, quando il lettore ottico in cui viene fatta passare la nostra schedina non riconosce il numero di targa facendo confusione

Tra i novemila avvisi bonari per il pagamento del bollo auto che Trentino Riscossioni, società che si occupa del recupero dei tributi di Comune e Provincia, sta per inviare a casa di altrettanti trentini, molti non sono validi. Il bollo, infatti, è già stato pagato da moltissimi cittadini tramite bancomat o alle poste, quando il lettore ottico in cui viene fatta passare la nostra schedina non riconosce il numero di targa facendo confusione. L'unico modo per cavaresela, dovesse arrivare a casa un sollecito e fossimo sicuri di essere a posto con i pagamenti, è mostrare la ricevuta (che andrebbe conservata cinque anni). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollo auto, inviate ai cittadini cartelle non valide
TrentoToday è in caricamento