Carta di credito clonata dalla Val di Non a Napoli: denunciati tre bagarini

Hanno clonato la carta di credito di una signora della Val di Non per poi utilizzarla nelle "trasferte" per concerti e gran premi. Ennesima denuncia per i tre pregiudicati

Da Napoli fino a Monza ed a Torino per rivendere biglietti acquistati online al doppio del prezzo, e pagandosi la "trasferta" con una carta di credito clonata da quella di una signora della Val di Non. E' intricata la storia raccontata dai carabinieri della Compagnia di Cles che ieri hanno denunciato tre bagarini per uso illecito di carta di credito. Le indagini sono partite dalla filiale della cassa Rurale che aveva rilasciato la carta di credito: evidentemente c'erano delle spese non attribuibili alla titolare del conto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A spendere erano in realtà i tre bagarini: in un albergo di Monza, dove si trovavano per rivendere a prezzi gonfiati i biglietti del Gran Premio acquistati online, hanno pagato con la carta di credito fasulla. Ad incastrarli è stato il controllo incrociato tra i dati della carta di credito e quelli dei documenti d'identità lasciati alla reception. Quanto ai biglietti comprati online e poi rivenduti i tre sembravano essere dei veri esperti: oltre al Gran Premio avevano acquistato anche diversi biglietti del concerto degli U2 a Torino. Delinquenti abituali, secondo i carabinieri della Stazione di Malè che hanno condotto le indagini, che hanno depositato l'ennesima denuncia a carico dei tre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento