Colpiti da una scarica di sassi, forse causata da capre: escursionisti soccorsi in elicottero

A causare la frana potrebbe essere stato il passaggio di animali

Colpiti da una scarica di sassi sotto una delle cime del Lagorai. E' quanto successo a due escursionisti veneti nella giornata di domenica 16 agosto a Cima Valsolero, a circa 2.200 metri di quota. La scarica, scrive il Soccorso Alpino, potrebbe essere stata causata dal passaggio di animali. I soccorritori, infatti, hanno visto un gregge di capre poco sopra il luogo dell'incidente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Soccorso Alpino ha inviato sul posto l'elicottero con a bordo l'equipe sanitaria. I due sono stati individuati ed hanno ricevuto le prime cure sul posto. Una volta stabilizzati sono stati caricati sul velivolo e trasportati all'ospedale S. Chiara di Trento. Non sono in pericolo di vita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rubano l'acqua del Comune per le fragole ma prosciugano l'acquedotto: danno da 220.000 euro

  • Valfloriana: auto e moto a fuoco dopo lo schianto, una persona ha perso la vita

  • Covid, picco di contagi in Trentino: 76 nelle ultime 24 ore

  • Valfloriana, incidente mortale: motociclista muore carbonizzato

  • Coronavirus: 32 nuovi casi, ci sono altri 3 contagiati nelle scuole

  • Studente positivo asintomatico: isolati compagni di classe ed insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento