Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Centro storico / Via Ezio Maccani

Campo Coni "potenzialmente inquinato": la scoperta durante i lavori per la struttura indoor

Piombo ed idrocarburi nel terreno, altri metalli nella falda: il campo Coni di via Maccani, dove dovrebbe sorgere la nuova struttura indoor da 2,2 milioni di euro, è stato inserito tra i siti "potenzialmente inquinati"

Il campo Coni di via Maccani è un sito "potenzialmente inquinato" per l'Appa, che lo ha inserito nell'elenco dei siti oggetto di procedimento di bonifica. La  scoperta è arrivata con gli scavi per il lavori di realizzazione del nuovo impianto indoor di atletica, presso l'area dove sorge il campo C. Covi e E. Postal.

Il progetto della struttura che dovrebbe permettere agli atleti di allenarsi all'interno è già stato approvato dal Comune, la gara di appalto dovrebbe svolgersi, secondo i tempi indicati in una risposta scritta al consigliere Panetta, entro fine anno ed i lavori veri e propri dovrebbero partire nel 2017, per un importo pari a 2,2 milioni di euro.

La scoperta naturalmente cambierà i piani: nel terreno di scavo dell'area parchegio dove dovrebbe sorgere la struttura sono stati trovati piombo ed idrocarburi. Quanto alla falda l'anagrafe dell'Appa indica  la presenza di metalli quali ferro, manganese ed arsenico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campo Coni "potenzialmente inquinato": la scoperta durante i lavori per la struttura indoor

TrentoToday è in caricamento