menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Campagna per la qualità dell'aria nei comuni del Trentino

Nel 2011 35 sforamenti dei limiti. Nel primo mese del 2012 in Trentino sono stati registrati 7 superamenti della media giornaliera di Pm10 a Trento, 9 a Borgo, 3 a Riva del Garda, 2 a Rovereto e 1 in Piana Rotaliana

Rimane alta l'attenzione sulla qualità dell'aria e sulle emissioni di polveri sottili in Trentino. Oggi è stata presentata una nuova campagna di sensibilizzazione, che partirà ai primi di febbraio ma che sarà poi ripresa in ottobre, realizzata dalla Provincia autonoma di Trento e dal Consiglio delle autonomie locali, con il concorso dei principali Comuni del Trentino.

La campagna sottolinea innanzitutto che quello delle polveri sottili è ormai un "vecchio argomento", sul quale però bisogna costantemente tornare. In secondo luogo si propone di avvicinare la tematica alla sensibilità individuale di ciascun cittadino, suggerendo che cambiare in meglio la qualità dell'aria dipende anche dal comportamento di ciascun cittadino. La campagna curata dalla Plus Communication - che sarà veicolata dai principali media nonché via internet e con affissioni pubbliche - rientra fra le misure previste dal Piano provinciale per la qualità dell'aria, e partirà ai primi di febbraio per concludersi a marzo. 
 
Ma com'è lo stato della qualità dell'aria in Trentino? "Se guardiamo al trend degli ultimi anni - ha detto l'assessore provinciale all'ambiente Pacher - vediamo un miglioramento progressivo, a cui concorrono naturalmente diversi fattori, in parte climatici, ma certamente anche legati alla riduzione delle fonti inquinanti, con il rinnovo del parco macchine circolante, il miglioramento del patrimonio edilizio e così via. Nel 2011 abbiamo tuttavia registrato anche un aumento degli sforamenti delle Pm10 a Trento e Borgo Valsugana, che hanno superato il limite annuale dei 35; nel primo mese del 2012, abbiamo registrato 7 superamenti della media giornaliera di Pm10 a Trento, 9 a Borgo, 3 a Riva del Garda, 2 a Rovereto, 1 in Piana Rotaliana. Certamente la mancanza di piogge ha giocato a sfavore, tuttavia non dobbiamo abbassare la guardia. Per questo da un lato una nuova campagna di sensibilizzazione rivolta ai cittadini, per incentivare comportamenti virtuosi come la rinuncia all'auto privata, l'abbassamento della temperatura domestica a 18-20 gradi o l'uso corretto della stufa a legna. Accanto a ciò, però adotteremo altri interventi, in particolare un nuovo bando, di alcuni milioni di euro, per contributi in favore del miglioramento energetico degli edifici privati, che verrà erogato in base al reddito e  svolgerà anche una funzione di 'sostegno' ad un settore, quello dell'edilizia, oggi in particolare sofferenza; inoltre nel 2011, e tramite il Fondo per lo sviluppo sostenibile, avvieremo con la Comunità di valle della Valle di Sole, nell'abitato di Bolentina, una sperimentazione con elettrofiltri di nuova concezione per gli impianti di riscaldamento domestici, per verificarne la capacità di abbattimento delle polveri. Se la sperimentazione avrà successo, incoraggeremo l'adozione degli elettrofiltri a tutto il territorio. Non esiste, infatti, e non ci stanchiamo mai di ripeterlo, un'unica soluzione: esistono tante diverse iniziative che possiamo mettere in campo per far sì che la qualità dell'aria migliori."
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento