Cronaca Gardolo / Via di Spini

Caldo, pericolo nelle fabbriche trentine: l'allarme della Fim

Campagna di prevenzione del sindacato: il 95% dei lavoratori intervistati dichiara di non essere stato sottoposto alla visita del medico del lavoro

Condizioni di lavoro non solo disagevoli ma anche pericolose nelle fabbriche trentine a causa del caldo. La segnalazione arriva dalla Fim Cisl e riguarda 14 delle 24 aziende coinvolte in un sondaggio somministrato ai lavoratori nelle scorse  settimane. L'85% degli intervistati ha dichiarato di lavorare in situazioni di disagio a causa della temperatura negli ambienti di lavoro, traa questi il 60% ha valutato come "elevato" il disagio provocato dal caldo. Comedetto non si tratta solamente di comfort: il caldo può essere molto pericoloso nelle aziende metalmeccaniche, perfino letale. Anche in Trentino negli anni scorsi si sono registrati episodi molto gravi in tal senso. 

"L’estate è ancora lunga e l’attenzione deve restare alta come soprattutto l’impegno di tutti a fare prevenzione con tutti gli strumenti disponibili - commenta Paolo Cagol, segretario della Fim Trentino -. Ogni rischio legato all’aumento delle temperature nelle postazioni di lavoro durante i mesi estivi va valutato e affrontato al meglio". Nei prossimi mesi resterà attiva la mail aperta dal sindacato, calore@fim.tn.it, per ricevere segnalazioni e risposte al sondaggio. Saranno inoltre promossi incontri specifici nelle aziende in presenza del medico del lavoro. Il 95% degli intervistati ha dichiarato di non essere stato visitato dal medico competente per quanto riguarda gli effetti del calore sulla salute. Il 76% degli intervistati ha dichiarato inoltre di “non aver mai ricevuto indicazioni su come intervenire nel caso che un collega presenti sintomi di colpo di calore”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caldo, pericolo nelle fabbriche trentine: l'allarme della Fim

TrentoToday è in caricamento