Precipita con gli sci sulla cima Tosa, era arrivato sul Brenta in bici

Un 23enne di Trento vittima di un incidente alpinistico: stava salendo insieme a due amici

Scialpinista recuperato dal Soccorso Alpino nel canalone Neri sulla Tosa. Il 23enne aveva raggiunto le Dolomiti di Brenta in bicicletta, insieme a due compagni, precisa il Soccorso Alpino. Stava perciò rispettando le norme sull'emergenza coronavirus (che nel frattempo sono cambiate), precisazione importante in questo periodo di confusione sulle regole che guideranno la "fase 2" in Trentino. L'ordinanza provinciale concede infatti di praticare sport individuali ma senza usare l'auto, quindi partendo da casa a piedi o in bici.

I tre stavano affrontando il difficile tratto verso la cima Tosa quando il ragazzo è scivolato, precipitando per oltre 150 metri. I compagnni di scalata hanno chiamato il numero d'emergenza, attorno alle 10 del mattino di venerdì 8 maggio. Il coordinatore dell'Area operativa Trentino occidentale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l'intervento dell'elicottero. Il tecnico di elisoccorso e l'equipe medica sono stati verricellati sul ferito che si trovava nella parte finale del canalone Neri. Dopo essere stato stabilizzato, lo scialpinista è stato imbarellato e recuperato a bordo dell'elicottero con il verricello per il trasferimento all'ospedale Santa Chiara di Trento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

  • Trento, spacciatore sfida la polizia: «Sapete che sono uno spacciatore, ma oggi con me non lavorate». Arrestato in piazza

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Gambero Rosso: in un "annus horribilis" il ristorante di Arco di Peter Brunel è la novità dell'anno

Torna su
TrentoToday è in caricamento