Dramma nei boschi di Pinè: cacciatore spara agli amici

I due sono stati colpiti da una scarica di pallini, si trovavano sulla linea di tiro: sono stati trasportati all'ospedale S. Chiara in elicottero. Sulla vicenda indagano i carabinieri

Ha visto qualcosa muoversi tra la boscaglia ed ha sparato, colpendo i due amici cacciatori che erano con lui. E' questa l'ipotesi più accreditata per spiegare il terribile incidente di caccia avvenuto nelle prime ore del mattino sui monti tra Baselga di Pinè e Sant'Orsola Terme.

Protagonisti tre cacciatori, tre amici. Erano a caccia di lepri nei boschi di Mas del Doss. Uno di loro, ottantenne, ha sparato una rosa di pallini ferendo gli altri due al torace ed al cranio. I due, un 74enne ed un 61enne, si trovavano sulla linea di tiro, fortunatamente a molti metri di distanza. Fossero stati più vicini, il colpo sarebbe stato fatale.

Due feriti, soccorsi dall'elicottero

La chiamata al 112 è arrivata attorno alle 7.40. Sul posto sono arrivate due ambulanze ed un'automedica. I soccorritori, viste le condizioni dei due feriti, hanno chiamato l'elisoccorso da Trento, temendo il peggio. I due sono stati trasportati all'ospedale S. Chiara e non sono in pericolo di vita, nonostante le gravissime ferite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Carabinieri della Compagnia di Borgo Valsugana stanno procedendo agli accertamenti per fare luce sulla vicenda. Le armi e le munizioni sono state immediatamente sequestrate, l'anziano cacciatore è in stato di fermo. Da capire se il colpo sia partito per sbaglio oppure per un tragico errore di valutazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

  • Coronavirus, nuovi casi dimezzati: oggi 45. Morto anche un 28enne che era stato dimesso

Torna su
TrentoToday è in caricamento