Lodrone: lacci e tagliole nel bosco, bracconiere denunciato

Un vero professionista, con centinaia di lacci per catturare ungulati e bastoncini invischiati per gli uccelli ma anche tagliole, pericolose anche per le persone, oltre che illegali. E' caduto però nella rete dei forestali il bracconiere di Lodrone, identificato e denunciato

Un altro caso di bracconaggio scoperto dalla forestale. Dopo il bracconiere denunciato a Marter questa volta le operazioni si sono svolte nel comune di Storo. Anche questa volta il metodo incriminato è quello dei lacci, fatti con cavetti d'acciaio, per poter catturare ungulati, ma nei boschi in località Toniolo i forestali hanno trovato anche tagliole per volpi e mustelidi, oltre a reti e bastoncini invischiati per catturare uccelli. A scoprire tutto è stato il custode forestale.

Dopo alcuni apposamenti è stato identificato il responsabile. I forestali sono andati ad attenderlo a casa, sicuri che sarebbe tornato dai boschi con l'attrezzatura nel bagagliaio dell'auto. Una volta scoperto l'uomo, residente a Lodrone, non ha potuto far altro che confessare, a quel punto i forestali si sono fatti accompagnare alla baita nei boschi, di proprietà dell'uomo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella baita sono state rinvenute due tagliole per la cattura di animali, due reti per la cattura di uccelli, 12 lacci, 35 trappole e 136 archetti per la cattura di uccelli di piccola taglia, mentre in altre parti dell’edificio sono stati trovati una notevole quantità di spaghi predisposti per armare archetti per la cattura di uccelli, 10 lacci del tutto simili ai precedenti, 30 ferri elastici che si utilizzano per la costruzione degli archetti, un’altra tagliola per la cattura di animali, un contenitore in legno con 9 bastoncini invischiati (panie) per la cattura di uccelli di piccola taglia, ed altre 54 non ancora invischiate. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Cane investito da una moto, il padrone vede la scena e sviene

Torna su
TrentoToday è in caricamento